Il viaggiatore come scopritore, come esploratore di nuovi itinerari e paesaggi. Bologna da sempre è stato un centro nevralgico dal quale passavano merci e persone. Grazie alla posizione e alle tariffe convenienti è un bed & breakfast ideale per chi vuole tenere Bologna come punto stabile e magari visitare la nostra bellissima regione.
Vicine trovate: Maranello, CastelVetro, Dozza, Imola. Appena più lontane, Ravenna, Cervia, Parma, Ferrara.


Piazza Maggiore – Il cuore medievale della città nasce attorno al 1200 e da quel momento pulsa e alimenta la vita della nostra Bologna. Qui troviamo la Basilica di San Petronio, il Palazzo dei Notai, il Palazzo d'Accursio, il Palazzo del Podestà e il Palazzo dei Banchi. Grandi eventi, belli e brutti, hanno animato questa piazza che ancora oggi è punto di ritrovo per tutti, con gli anziani che chiacchierano in un angolo e i bambini che inseguono i piccioni. Nella adiacente Piazza del Nettuno si può ammirare la monumentale Fontana del Nettuno del Giambologna.

Archiginnasio – Questo lungo edificio porticato è stato la prima sede dell'Ateneo di Bologna, a più antica Università d'occidente. Al suo interno si trova un grande cortile, dove per secoli si sono svolti i grandi eventi legati alla vita dell'università, dalle lauree ai funerali dei professori, e due rampe, ornate degli stemmi dei più importanti professori, attorniati da quelli degli studenti. Al primo piano poi vi aspetta una particolarissima sorpresa: il Teatro Anatomico, realizzato nel 1637 per ospitare le lezioni di anatomia. Bellissimi i due corpi scolpiti nel legno e privi di pelle, perciò detti dai bolognesi gli Spellati, che affiancano la cattedra del professore.

Le due torri – Tra i simboli di Bologna più noti troviamo la Torre degli Asinelli, alta 97,20 metri (la torre pendente più alta d'Italia) e della Garisenda, anticamente alta 60 metri, ora 48. Le torri gentilizie, di origine medievale, sono uno dei tratti più caratteristici della città, Bologna era infatti detta "la turrita" per le oltre 100 torri e case-torri che la caratterizzavano. Nel Medioevo ne esistevano più di cento, delle quali una ventina ancor oggi caratterizzano il panorama cittadino, insieme alle famose due torri.

Le sette chiese - Affacciato su Piazza Santo Stefano, piazza di particolare bellezza e altro punto di riferimento cittadino, si trova la basilica di Santo Stefano, un complesso di edifici sacri costruiti nel corso dei secoli a partire dall'epoca romana. E' chiamata Le Sette Chiese, perchè in origine era costituita da sette edifici collegati tra loro. Attualmente si accede alla Chiesa del Crocifisso, da cui si entra nella Chiesa del Santo Sepolcro, che un tempo custodiva le reliquie di San Petronio, patrono della città, e alla più antica Chiesa dei Santi Vitale e Agricola o al cortile di Pilato, con l'antico chiostro medievale.

La basilica di San Domenico, a pochi passi dall'hotel, è uno dei più importanti luoghi di culto di Bologna, sede principale dell'ordine dei frati predicatori. Nella chiesa, all'interno dell'Arca di san Domenico (opera di Nicola Pisano e allievi, con contributi di Niccolò dell'Arca, Michelangelo Buonarroti, Alfonso Lombardi e Jean-Baptiste Boudard), sono conservati i resti di san Domenico, fondatore dell'ordine.

I Giardini Margherita, il più ampio e bel parco di Bologna, si trovano a pochi passi dall'hotel. Il parco cittadino più amato e frequentato venne inaugurato nel 1879 con il nome di Passeggio Regina Margherita, in omaggio alla moglie di Umberto I. Si racconta avesse indicato lei stessa quella zona come ideale per la costruzione di un'area verde pubblica. All'interno dei 26 ettari di verde ci sono ampi viali alberati, un laghetto contornato da finte scogliere di gesso, vaste superfici a prato e boschetti di querce, un'area ristoro, una gelateria, spazi attrezzati per i giochi dei bambini, tappeti elastici, giostre, ma anche campi da calcio e basket.

Questa è solo una breve selezione, senza pretesa di essere esaustivi su quanto la nostra città offre dal punto di vista culturale e monumentale. Vi ricordiamo che la maggior parte dei musei bolognesi è ad entrata libera. Per informazioni aggiornate vi invitiamo a visitare il sito del comune.


Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi